Elezioni Regionali 2018

ULTIMA GIORNATA DI PROPAGANDA ELETTORALE – COMIZI

 

Silenzio elettorale

Al fine di non turbare le operazioni degli uffici elettorali di sezione e l’espressione del voto, si ricorda che la Legge Regionale n. 28/2007, all’art. 75 impone il cosiddetto “silenzio elettorale”.
Di conseguenza, nel giorno antecedente ed in quello della votazione (sabato 28 aprile e domenica 29 aprile), sono vietati:

  • la nuova affissione di manifesti e altri stampati di propaganda referendaria;
  • la propaganda mobile figurativa e la distribuzione di volantini;
  • i comizi e le riunioni di propaganda elettorale.

La chiusura della campagna elettorale dovrà avvenire entro le ore 24.00 di venerdì 27 aprile 2018.

Si ricorda altresì, che nel giorno della votazione sono vietati:

  • ogni forma di propaganda entro il raggio di 200 metri dall’ingresso delle sezioni elettorali;
  • la diffusione di trasmissioni radio-televisive di propaganda elettorale (D.L. n. 807/1984, art. 9 bis);
  • la diffusione di sondaggi sull’esito delle elezioni e sugli orientamenti politici degli elettori (L. n. 28/2000, art. 8, comma 1).

Divieto di diffusione sondaggi

Si rammenta che nei 15 giorni precedenti la data della votazione, e quindi a partire da sabato 14 aprile 2018 e sino alla chiusura delle operazioni di voto, ai sensi dell’art. 8 della legge 22 febbraio 2000, n. 28, è vietato “rendere pubblici o, comunque, diffondere i risultati di sondaggi demoscopici sull’esito delle elezioni e sugli orientamenti politici e di voto degli elettori, anche se tali sondaggi sono stati effettuati in un periodo precedente a quello del divieto”.

Individuazione siti per la propaganda elettorale

Con Delibera Giuntale n. 140/2018 [.pdf] di data 29 marzo 2018, la Giunta comunale ha provveduto ad individuare appositi siti per la propaganda elettorale – vedi: Allegato 1 – elenco siti planimetrie [.pdf]

Assegnazione spazi per l’affissione dei manifesti di propaganda elettorale

Con Determinazione n. 1404/2018 [.pdf] di data 30 marzo 2018, la Responsabile dell’ufficio elettorale ha provveduto alla delimitazione, ripartizione ed assegnazione degli spazi per l’affissione dei manifesti di propaganda elettorale ai candidati alla carica di Presidente della Regione ed alle liste circoscrizionali collegate ammesse.

Inizio periodo di propaganda elettorale venerdì 30 marzo 2018

Ai sensi degli articoli 71 e 74 della Legge Regionale n. 28 di data 18 dicembre 2007, il periodo di propaganda elettorale inizia il 30° giorno antecedente la data delle elezioni.

Da questo momento sono vietati:

  • la propaganda elettorale luminosa o figurativa a carattere fisso in luogo pubblico, escluse le insegne indicanti le sedi dei partiti e dei comitati elettorali;
  • la propaganda luminosa mobile e il lancio o il getto di volantini in luogo pubblico o aperto al pubblico;
  • l’uso di altoparlanti su mezzi mobili fuori dai casi previsti dall’art. 7 comma 2 della Legge 130/1975 ;

Da questo momento sono consentiti:

  • l’affissione dei manifesti di propaganda elettorale e degli altri stampati di propaganda elettorale esclusivamente negli spazi a ciò destinati in ogni Comune; [in pubblicazione a breve]
  • l’allestimento di postazioni temporanee o mobili (cd. gazebo), sulle quali è ammessa l’esposizione di materiale di propaganda elettorale [Modulo occupazione spazi] Le richieste di utilizzo del suolo pubblico per attività di propaganda elettorale vanno trasmesse all’indirizzo di posta elettronica propaganda.elettorale@comune.trieste.it che sarà attivo a decorrere da mercoledì 28 marzo pv utilizzando, preferibilmente, il modulo apposito.
  • la propaganda sonora sul territorio del Comune di Trieste [Modulo propaganda fonica]. Si rammenta che l’uso di altoparlanti su mezzi mobili, subordinato ad apposita autorizzazione, è ammesso soltanto per l’annuncio dell’ora e del luogo, comprendendo anche il nome dell’oratore e il tema del suo discorso, in cui si terranno i comizi e limitatamente nella fascia oraria dalle ore 9.00 alle ore 13.00 e dalle ore 16.30 alle ore 19.30 nella giornata antecedente la manifestazione e nella giornata della manifestazione medesima.
    Si raccomanda particolare attenzione in situazioni di pubblico interesse quali possono essere la tutela del riposo negli ospedali, nelle case e luoghi di cura.

Disponibilità locali per attività di propaganda elettorale

Si informa che il Comune di Trieste, ai sensi dell’art. 19 della Legge 515/1993, mette a disposizione dei partiti o gruppi politici che partecipano alla competizione elettorale la Sala Tergeste sita in piazza Unità d’Italia n. 4/d, per lo svolgimento di manifestazioni di propaganda elettorale, compatibilmente con le attività istituzionali già calendarizzate e con la funzione propria alla quale è dedicata.
Per richiederne l’utilizzo, è necessario compilare il relativo modulo [.pdf] che va poi restituito debitamente sottoscritto all’indirizzo di posta elettronica propaganda.elettorale@comune.trieste.it. Verrà dato riscontro in ordine alla disponibilità dello spazio.
La sottoscrizione del modulo di richiesta determina l’accettazione delle norme d’uso della Sala che qui si riassumono:

  1. il risarcimento di eventuali danni riscontrati a conclusione dell’evento saranno posti a carico degli organizzatori;
  2. l’eventuale necessaria pulizia straordinaria della Sala sarà economicamente a carico del soggetto a cui è stato autorizzato l’uso della stessa;
  3. la capienza massima è di 50 (cinquanta) persone;
  4. l’utilizzo della sala è consentito nei giorni feriali – compreso il sabato – sino alle ore 20.00.
  5. non è consentita l’installazione di apparecchiature per proiezioni o simili, né l’utilizzo della rete comunale per collegamenti di computer.

Il personale del Comune di Trieste provvederà all’apertura e chiusura della Sala alle ore indicate nella richiesta di utilizzo provvedendo, altresì, al regolare afflusso e deflusso del pubblico.

Individuazione spazi pubblici per attività di propaganda elettorale

Come per le recenti tornate elettorali, si ritiene utile ricordare che l’Amministrazione comunale, con le D.G. n. 8/2013 e 158/2014, ha provveduto ad individuare le principali ubicazioni ove allocare strutture temporanee mobili correlate alla campagna elettorale – vedi planimetrie [.pdf]
Restano inibite all’utilizzo per propaganda elettorale le seguenti zone della città:
considerato il valore storico e rappresentativo per la città:

  • piazza dell’Unità d’Italia estendendo tale divieto sino alla zona prospiciente il mare, considerata il naturale prolungamento della piazza
  • piazza Giuseppe Verdi
  • quota parte della piazza della Borsa (vedi planimetria)

per motivi di decoro e rispetto della sacralità dei luoghi e per necessità di quiete:

  • la Cattedrale di San Giusto
  • il sagrato della Chiesa di Sant’Antonio Taumaturgo
  • la Sinagoga
  • in prossimità di scuole, ospedali, case di cura, caserme

L’Amministrazione comunale provvede con propri mezzi all’allestimento di 1 palco ubicato in piazza della Borsa (vedi planimetria), che sarà a disposizione dei partiti politici per la propaganda elettorale, utilizzabile a rotazione da parte delle varie forze politiche previo accordo tra le stesse.

Si rammenta che nell’installazione delle strutture per la propaganda elettorale è necessario rispettare le corsie di emergenza, visionabili al seguente link:
mobilitaetraffico.comune.trieste.it/corsie-demergenza